-> La sinistra si è astenuta sul mio Odg per coprire la discarica. Non mi fido PD DI SCANDIANO FURBETTO: DITE LORO CHE SU RIO RIAZZONE LA MIA BATTAGLI VA AVANTI DA 10 ANNI

Home  »  Blog  »  -> La sinistra si è astenuta sul mio Odg per coprire la discarica. Non mi fido
apr 4, 2014 2 Commenti ›› GP

Un ordine del giorno per imporre la copertura con materiali naturali della discarica di Rio Riazzone. Lo ha presentato in Consiglio provinciale il capogruppo di Forza Italia Giuseppe Pagliani, dopo la rinuncia di Iren a coprire le fosse con gli scarti provenienti dagli inceneritori. Il documento ha ricevuto il voto favorevole delle opposizioni, ma l’astensione della maggioranza: fatto questo che Pagliani giudica “molto sospetto”.

“La nostra su Rio Riazzone – ha commentato Pagliani dopo il voto – è una battaglia che va avanti da dieci anni, in comune a Scandiano e in Provincia, e i documenti lo provano in modo inconfutabile. Ieri in consiglio provinciale ho presentato un Ordine del Giorno che prevedeva il voto di tutta l’assemblea a favore della copertura della discarica di Rio Riazzone con materiali naturali: in pratica si chiedeva al consiglio di ratificare ciò che Iren e l’assessore Tutino avevano già in consiglio comunicato.

Con grande sospetto dobbiamo registrare il voto favorevole di tutta l’opposizione, ma l’astensione inspiegabile della maggioranza guidata dalla Presidente Masini. Ho ribadito che la nostra battaglia a favore della chiusura definitiva della discarica continuerà, considerato il fatto che abbiamo ieri avuto prova che della sinistra in Provincia non possiamo fidarci. A tutti consiglio molta prudenza nell’esultanza perché il risultato non è stato ratificato da un voto in consiglio provinciale”.

(www.reggioreport.it)

Commenti

  1. GP scrive:

    ECCO LA TESTIMONIANZA DI CHI C’ERA E SA. PARLA MAURIZIO VIDOLI

    Leggo con sorpresa le dichiarazioni del Segretario PD di Scandiano secondo il quale il centrodestra locale all’approssimarsi delle Elezioni Amministrative cavalcherebbe la questione afferente la discarica in oggetto, allo scopo di ottenere consenso, senza mai aver precedentemente profferito verbo in merito.

    Quale capogruppo del Polo per le libertà nella legislatura 1999/2004, mi preme ricordare al Dottor Ferri (segretario comunale del Pd – ndr) che sin da allora abbiamo seguito la problematica.

    A quel tempo le priorità erano due:
    raggiungimento dello stoccaggio limite per procedere alla chiusura della discarica; disagio per gli abitanti di San Ruffino dovuto all’incessante e pericoloso traffico di mezzi pesanti su una viabilità non atta.

    Quanto affermo è documentato negli atti della Consiliatura in oggetto.

    Verbali dei Consigli Comunali
    Interrogazioni
    Interpellanze
    Mozioni
    Ordini del giorno

    Tutto questo è ben noto al Dottor Ferri, in quanto anch’egli a quel tempo era Consigliere Comunale d’opposizione.

    Osservo che stando ai fatti è il PD che vuole ergersi ad unico paladino e garante del bene comune. Non è cosi, gli atti dimostrano il contrario.

    Ora, come semplice cittadino, pongo io una domanda.

    Perché in Consiglio Provinciale la maggioranza si è pilatescamente astenuta sull’ordine del giorno presentato dal capogruppo di Forza Italia Avvocato Giuseppe Pagliani riguardante la garanzia in merito al materiale utilizzabile per la copertura della discarica?

    Meglio tenersi le mani libere anziché assumersi una precisa responsabilità è la tesi della sinistra. Questa è una posizione poco trasparente. La sinistra è forse pronta a fare qualche brutta sorpresa ai cittadini scandianesi.

    Maurizio Vidoli – Capogruppo Polo per le Libertà, legislatura 1999/2004

  2. Maurizio Vidoli scrive:

    Che una maggioranza si astenga su un ordine del giorno afferente la tematica trattata dal Capogruppo di Forza Italia Avvocato Giuseppe Pagliani, non si limita a destare sospetti sulle intenzioni, ma inequivocabilmente qualifica quella maggioranza come INADEGUATA ALLA FUNZIONE.
    Se si ha responsabilità politica e amministrativa quell’ordine del giorno eventualmente lo si emenda ma non ci si sottrae dalla responsabilità del voto.
    Questo dovrebbe essere ben chiaro ad un Parlamentare Europeo in pectore quale l’attuale Presidente della Provincia Signora Sonia Masini.

Scrivi un commento